IL CORPO INTUITIVO

IL CORPO INTUITIVO – call 2017-2018
Deadline 10 settembre 2017
LABORATORIO PERMANENTE DI RICERCA E COMPOSIZIONE
rivolto a danzatori/performers con solida esperienza nella danza contemporanea e nei linguaggi del corpo

condotto da DANIELE NINARELLO | Associazione CodedUomo
In collaborazione con Mcf Belfioredanza e realizzato con il sostegno della Fondazione Piemonte dal Vivo, Lavanderia a Vapore, Mosaico Danza Festival Interplay

Si selezionano performers,danzatrici e danzatori per la quinta edizione del Laboratorio Il Corpo Intuitivo.
Attivo da ottobre a giugno, il laboratorio ha lo scopo di trasmettere pratiche per la ricerca in campo performativo, sui linguaggi del corpo e della danza contemporanea.

Azioni programmate:

• Attività di laboratorio 2 sabati al mese in orario 13,00 / 19,00 per un totale di 12 ore mensili
danza contemporanea, discipline somatiche e e pratiche compositive.

• Laboratori con ospiti esterni

Matan Zamir (Tel Aviv-Berlin)
Gaia Clotilde Chernetich
Marta Ciappina

• Apertura del laboratorio al pubblico sui linguaggi del contemporaneo attraverso sessioni di condivisione del processo di ricerca.

• Performance finale restitutiva (Maggio 2018 | Festival Interplay)

Per questa nuova edizione si propone un progetto in cui confluiscono danza, musica, Drammaturgia e tecniche somatiche.
Il processo di ricerca collettiva confluirà nella creazione di una performance.

L’indagine di questa edizione parte da una riflessione sul ritmo interno ed esterno al corpo come il codice di comunicazione attraverso cui interagire con il mondo.

“ In che modo il ritmo e il tempo delle cose che accadono all’esterno
influenzano il movimento del corpo e il suo orientamento?
Come i pensieri e i ritmi interni creano e modificano costantemente il nostro agire e il nostro spazio?
Dove può dunque condurci il flusso musicale del nostro potere immaginifico e della nostra disponibilità a sentirci?
Possono tutti questi elementi costituire una realtà nuova, una nuova via di fuga?”

————————–————————–————————–——

DANIELE NINARELLO
Dopo aver frequentato la Rotterdam Dance Academy, danza con coreografi tra cui Virgilio Sieni e Sidi Larbi Cherkaoui. Dal 2007 porta avanti la propria ricerca coreografica e di movimento e presenta le sue creazioni nei festival italiani ed internazionali. E’ stato sostenuto dal Network Anticorpi XL , Torino Danza, Fondazione Piemonte dal Vivo e da Mosaico Danza grazie al quale è selezionato per il festival Les Reperages (2011) e per il progetto internazionale Dance Roads ( 2012). Finalista al Premio Equilibrio Roma (2011 e 2013). “Man Size” e “Non(leg)azioni” sono stati selezionati dal CDC-Les Hivernales Avignon (2011) . Nel 2013 “Rock Rose WoW” riceve il sostegno di Movin’ Up 2012 II e vince “Teatri del Tempo Presente” promosso da Fondazione LIVE-Piemonte Dal Vivo e MiBACT. “L.A.N.D. Where is my love” (2014) riceve il PREMIO PRODUTTIVO COLLABORACTION#2 a sostegno dei giovani coreografi, promosso dalla rete ANTICORPI XL. “Kudoku” in collaborazione con il musicista Dan Kinzelman debutta alla BIENNALE DANZA di Venezia 2016 ed è tra i progetti selezionati per AEROWAVES TWENTY17. La nuova creazione STILL ha debuttato al Festival Interplay di Torino il 25 maggio 2017.

————————–————————–————————–——-

Nel laboratorio si alterneranno fasi di training in cui si esplorerà il corpo a livello percettivo a fasi dedicate alla ricerca di movimento e alla composizione, a partire da task mirati. Il laboratorio ospiterà inoltre tre guest teachers che condivideranno la loro esperienza con i partecipanti.

Matan Zamir (Tel Aviv / Berlin) Danzatore e Coreografo
Workshop di Danza Contemporanea

Matan Zamir è un coreografo e performer israeliano residente a Berlino. Ha studiato alla Kibbutz Contemporary Dance School e alla Bat Dor Dance School di Tel Aviv. Nel 1996 entra a far parte del prestigioso Dance Ensemble Batsheva sotto la direzione artistica di Ohad Naharin. È stato invitato a lavorare con la coreografa Yasmeen Godder come performer, collaboratore artistico e direttore di prova. Nel 2002 si trasferisce a Berlino e da allora ha lavorato con diversi registi, coreografi e artisti tra cui Sasha Waltz, Benoit Lachambre, Michaela Casper, Kiriakos hadjiioannou, Peaches e Hanayo tra gli altri. Nel 2005, insieme al coreografo e all’artista italiano Nicola Mascia, fonda il duo collaborativo matanicola . Il loro operato finora include 7 creazioni, creazioni site-specific, curatela di festival, installazioni e progetti di improvvisazione. Nel 2014 insieme a Gal Naor fonda The progressive wave, un progetto collaborativo che mira a tradurre idee spirituali complesse in un linguaggio performativo audio-visivo innovativo e unico. Il loro primo lavoro “Lights & Vessels” del 2016 è il primo capitolo della loro trilogia di performance “Scienza dei segni”. Nel 2016 Matan è stato invitato in Cina per creare una piece per D.Lab a Shangha e nel 2017 in Giappone per collaborare con Hanayo Nakajima su un’installazione video presso il museo MOT per l’arte contemporanea di Tokyo. Oltre a coreografie ed esecuzioni, Matan Zamir insegna regolarmente lezioni di danza contemporanea e porta i laboratori di ricerca di movimento a livello internazionale.

Gaia Clotilde Chernetich Studiosa di danza e Dramaturg
Workshop di drammaturgia

Ha ottenuto un dottorato di ricerca europeo presso l’Università di Parma e presso l’Université Côte d’Azur. Ha studiato Narratologia (EHESS, Parigi) e Studi Teatrali (Paris3 – ENS). Le sue ricerche vertono sull’epistemologia, sulla trasmissione e sul funzionamento della memoria nelle arti. I suoi ambiti di interesse riguardano la relazione tra danza e scrittura, la drammaturgia della danza, la storia orale, il rapporto tra teatro e racconto e tra danza e gusto. Come giornalista, è redattrice del giornale online Teatro e Critica

Marta Ciappina Danzatrice e Coach
Brilliant mind and powerful body

Danzatrice e didatta, Marta Ciappina si forma principalmente a New York al Trisha Brown Studio e al Movement Research studiando con Diane Madden, Juliette Mapp, Jeremy Nelson, Vicky Shick, Andrew Harwood, Kirstie Simson, Ori Flomin, K.J. Holmes, John Jasperse. Come danzatrice collabora, tra gli altri, con John Jasperse Company (New York), Luis Lara Malvacias (New York), Gabriella Maiorino (Amsterdam), Ariella Vidach – AiEP (Milano), Motus (Parigi), Daniele Albanese_Compagnia Stalk (Parma), Compagnia Daniele Ninarello (Torino). Dal 2013 collabora con la compagnia MK, gruppo di punta della scena contemporanea, guidato da Michele Di Stefano (Leone d’Argento alla Biennale Danza di Venezia del 2014). Nel 2015 inizia la collaborazione con Alessandro Sciarroni per il progetto “Turning”, performance site specific presentata al MAXXI di Roma. Nel 2016 affianca Sciarroni in qualità di assistente alla coreografia per “Turning_motion sickness version”, spettacolo commissionato dall’Opéra de Lyon. Nello stesso anno lavora con la compagnia svizzera Cie Tiziana Arnaboldi ed apre la collaborazione con Chiara Bersani per i progetti “Goodnight, peeping Tom” e “The Olympic Games”, produzione K3 Tanzplan Hamburg, creata in sinergia con Marco D’Agostin. Affianca all’attività di danzatrice quella di pedagoga, sia come parte integrante del corpo insegnanti del Balletto di Roma, sia organizzando annualmente un fitto programma di classi e workshop per danzatori ed attori.

————————–————————–————————–——-
Requisiti per la partecipazione

Rivolto a danzatori e performers con solida esperienza nella danza contemporanea e nei linguaggi del corpo con attitudine all’improvvisazione.

Per partecipare alle selezioni è necessario inviare

– Curriculm vitae
– Breve video di presentazione (link)
– lettera motivazionale

entro il 10 Settembre 2017 all’indirizzo info@danieleninarello.it .inserendo nell’oggetto la dicitura APPLICATION IL CORPO INTUITIVO 2017 \ 2018

Frequenza due sabati ogni mese con orario 13,00/19,00
Quota di partecipazione per l’intero laboratorio euro 500,00 – Prevista rateizzazione in 4 tranche

Primo appuntamento SABATO 30 SETTEMBRE ore 13 Mcf Belfioredanza via Belfiore 24 interno cortile Torino
a seguire

SABATO 17 OTTOBRE
SABATO 21 OTTOBRE

SABATO 4 NOVEMBRE
SABATO 11 NOVEMBRE

SABATO 2 DICEMBRE
SABATO 9 DICEMBRE

IL CORPO INTUITIVO 2016 \ 2017
LABORATORIO PERMANENTE DI RICERCA E COMPOSIZIONE

rivolto a danzatori e performers con solida esperienza nella danza contemporanea e nei linguaggi del corpo

LABORATORIO IL CORPO INTUITIVO

Photo by Barbara Calì

condotto da DANIELE NINARELLO | Associazione CodedUomo
c/o Belfiore Danza – Torino

Il laboratorio Il Corpo Intuitivo è parte del progetto STILL Body Experience With Digital Brain realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando ORA! “

Giunge alla IV edizione il laboratorio attivo da ottobre a giugno, in collaborazione con Mcf Belfioredanza ed il patrocinio di Fondazione Piemonte dal Vivo, Interplay Mosaico Danza e Hub Cecchi Point.
Si selezionano performers e danzatori/rici per il laboratorio Il Corpo Intuitivo della durata di un anno che ha lo scopo di trasmettere pratiche per la ricerca in campo performativo, sui linguaggi del corpo e della danza contemporanea.

Per questa nuova edizione si propone un progetto crossdisciplinare in cui confluiscono danza, arti visive e new media. Il processo di ricerca collettiva confluirà nella creazione di una performance. Il percorso sarà incentrato sull’indagine dell’identità in divenire a partire dal  corpo come stratificazione di memorie da esplorare attraverso il movimento, e sull’osservazione del  corpo stesso come elemento compositivo a partire dal suo indagarsi e svelarsi.

Si alterneranno fasi di training in cui si esplorerà il corpo a livello percettivo, a fasi dedicate alla ricerca di movimento e alla composizione  a partire da task mirati.
Insieme a Emanuele Lomello (Interaction Designer) espanderemo la ricerca di queste tematiche attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie digitali. Si lavorerà con un sistema interattivo in grado di trasformare in elementi percepibili (suoni e luci) l’attività neuronale del perfomer.
Inoltre il percorso di ricerca sarà accompagnato dall’artista visivo Gigi Piana, che seguirà  il processo di ricerca , creerà delle opere inedite, durante ed al termine del percorso, creando per immagini, frame dei movimenti dei corpi, creando quella memoria iconografica, che sommata, al termine dello studio cercherà di interpretare il risultato del percorso, i quadri che si realizzeranno, saranno un corpus laterale che potrà essere fruito in diverse modalità, come compendio all’evento performativo, durante le presentazioni scientifiche e come “mostra” in luoghi deputati.

Alcuni studenti della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano (NABA), affiancheranno il laboratorio durante le fasi di ricerca e di creazione per la realizzazione di un documentario e per work experience in ambito multimediale.

Azioni programmate:
>Attività di laboratorio (bimensile) danza contemporanea, discipline somatiche e tecniche energetiche.
>Sperimentazione sistemi interattivi
>Apertura del laboratorio per la formazione del pubblico sui linguaggi del contemporaneo attraverso sessioni di sharing/dibattiti
>Performance finale restitutiva (Maggio 2017 | Festival Interplay)

 Requisiti
rivolto a danzatori e performers con solida esperienza nella danza contemporanea e nei linguaggi del corpo
attitudine alla improvvisazione

Per partecipare alle selezioni è necessario inviare:
Curriculum vitae
Link a video di presentazione
lettera motivazionale

entro il 15 settembre 2016 all’indirizzo info@danieleninarello.it inserendo nell’oggetto la dicitura APPLICATION IL CORPO INTUITIVO 2016 \ 2017

Frequenza due sabati ogni mese con orario 14,00/18,00
Quota di partecipazione per l’intero laboratorio euro 400 – Prevista rateizzazione in 3 tranche
Primo appuntamento 25 settembre 2016 ore 14.00 Belfiore Danza, via Belfiore 24 Torino

 

EMANUELE LOMELLO
Interaction designer dal 2007, fonda la propria formazione nel mondo delle arti performative, prima come attore, quindi come video scenografo e light designer. L’incontro con il mondo del digitale lo conduce ad ampliare il proprio orizzonte di ricerca e ad occuparsi della progettazione di mostre e musei indirizzando la sua attività verso la realizzazione di installazioni interattive. Collaboratore di N!03, Todo, Studio Azzurro, PianoB, consulente per le tecnologie per enti pubblici e studi privati, affianca alla professione di sviluppatore hardware e software, l’attività di insegnamento presso NABA e Domus Milano.
I suoi lavori sono stati esposti in Italia, Germania, Francia, Turchia, Russia, Cina, Giappone.
Attualmente basa la propria ricerca sulla relazione uomo-macchina con particolare interesse alla robotica e alle neuroscienze cognitive.
Studi e Premi
– Master di primo livello “Digital Video, Editing And Compositing” presso VR&MMP di Torino – borsa di studio per meriti
– Master di primo livello “Digital Environment Design” presso Nuova Accademia di Belle Arti (NABA) Milano – Borsa di studio per meriti
– Premio Compasso d’oro 2010, team N!03 per la mostra Rossa, Napoli/Torino
– Premio Red Hot Awards 2012, team N!03 per la mostra Anima di Gomma, Milano
Selezione residenze artistiche
– Persiane progetto web&perfomance della Compagnia italofrancese A’ Peau d’Ecran 2008 – Francia
– Lay Nay Performance multimediale dell’artista Alessandro Carboni – 2012 Festival Fabrica Europa (Firenze)
– Be here performance multimediale dell’artista Alessandro Carboni- 2015 Festival Crisalide (Forlì)
Selezione lavori – interactive exhibit
– Motezuma di Vivaldi, Opera lirica, coproduzione OperaBarga(Lucca,) e Altstadtherbst Kulturfestival (Dusseldorf, Germania), video e scenografie – 2005
– Sotto, cortometrggio in stop motion animation con le opere in terracotta dello scultore Pietro weber, – 2005 Denno (IT)
– Rossa, mostra multimediale, progetto N!03 – 2007 Napoli – 2008 Torino
– Repertorio Zero, sistema interattivo per concerto, Festival MI-TO – 2009 Hangar Bicocca Milano
– A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947, mostra multimediale, progetto N!03 – 2009 Torino
– Stazione Futuro, mostra multimediale, responsabile tecnologie, 2011 OGR Torino
– Max-Mara Coats, exhibit interattivo, 2011 Mosca
– Artificial dummies, video mapping interattivo sulla facciata di Palazzo Carignano, Luci d’Artista, progetto Todo – 2011 Torino
– Shake baby shake, exhibit interattivo permanente, progetto Michael Sellam – 2013 Nantes (Francia)
– Padiglione dei cetacei, mostra multimediale, progetto Todo – 2014 Acquario di Genova
– Safilo – 80 Years of Innovation, installazione interattiva – 2014 Milano Design Week
– ASUS – Our touch of life, installazione interattiva – 2014 Milano Design Week
– 1436, installazione interattiva, Erdos SKP Mall, progetto Todo – 2014 Pechino (Cina)
– Scatto Fisso, mostra, curatela – 2014 Cles (Trento)
– FabFood Confindustria, mostra interattiva, progetto Museo della Scienza e della Tecnica di Milano – Expo 2015
– Conai, installazione interattiva – Expo 2015

 

GIGI PIANAhttp://www.gigipiana.com/
Artista visivo, con esperienze maturate negli ambiti delle installazioni, della performance e del video.
Prioritario l’utilizzo del mezzo video, sia per ciò che riguarda le installazioni che le performance, utilizzando abitualmente la ripresa diretta. Nell’arco degli anni ha svolto la sua personale ricerca creando un peculiare linguaggio personale che si esprime attraverso l’utilizzo di materiali trasparenti, fili rossi, scritte: elementi minimi, sia nei lavori a muro che in performance ed installazioni site-specific. Nell’ultimo periodo la sua ricerca artistica si è evoluta in relazione alla tradizione tessile biellese con l’utilizzo dell’intreccio di tessuti di materiali plastici come propria cifra stilistica.
Vive e lavora tra Torino e Biella.

Tra le mostre: “Archeologia Futura” a cura di Michelangelo Pistoletto e Gabriele Boccacini per la Biennale dei Giovani Artisti “BIG 2000” (Torino); installazione “mirror” nell’ambito di “BIG 2000” (Caraglio, Cuneo); “Villaggio Globale” (La Valletta, Malta) 2002; “Le Pareti della Solitudine” Cittadellarte-Fondazione Pistoletto (Biella) 2002; “Gemine Muse” (Biella) 2003; “100 volte Stalker” (Glasgow, Inghilterra) 2004; “Food Design” (Torino) 2004; “Gemine Muse” (Roman, Romania) 2004; “Art Luggage” (Catania) 2007; “13×17” Padiglione Italia (Venezia ed altre sedi: Napoli, Biella, Pescara, Palermo, Bologna, Roma) 2007-08; “Quotidiana” (Padova) 2007; “13×17” Biennale di Venezia (Bologna) 2012; “The Others” (Torino) 2013-14; “Setup Art Fair” (Bologna) 2013-14-15; “t_essere_territorio” installazione-performance a 1.900 metri con Gabriella Maiorino (Olanda), a cura di Ewa Gleisner (Lago del Mucrone, Biella); “SWAB” Barcellona (Spagna) 2015.

Personali: “Fino a qui” (Villa Schneider, Biella) 2002; “Alla Corte dell’Arte” (Andorno, Biella) 2004; “Rapporti A2”, personale con Luciano Pivotto (Officine CAOS, Torino) 2007; “BI-BOx1”, inaugurazione spazio BI-BOx (Biella) 2011; “Invasioni”, 6 personali a confronto (Palazzo ex ENEL – BI-BOx, Biella) 2013; “intrecci_in_tessuti (BI-BOx, Biella) 2014; “ricerca_d_identità” (Paola Meliga Gallery, Torino) 2015; “ricerca_d_identità” (Adiacenze, Caravan SetUp, Bologna) 2015.

E’ stato curato tra gli altri da: Antonio Arevalo, Guido Bartorelli, Philippe Daverio, Irene Finiguerra, Olga Gambari, Teresa Iannotta, Marina Mojana, Stefania Schiavon, Angela Vettese, Alessia Locatelli, Alice Zannoni.

Ha collaborato con Michelangelo Pistoletto a Cittadellarte-Fondazione Pistoletto (Biella) dal 1997 al 2004.
Lavora stabilmente come performer con il gruppo teatrale torinese “Stalker Teatro” dal 1997, con esperienze in Italia e all’estero (Francia, Spagna, Portogallo, Polonia, Israele, Inghilterra, Malta). Ha realizzato con la compagnia coproduzioni nazionali ed internazionali con: Akademia Ruchu (Polonia), Gabriella Maiorino (Olanda), Ex Nihilo (Francia), Scena Plastyczna (Polonia), Eugenio Barba (Danimarca), Remondi&Caporossi (Italia), Pierre Byland (Francia), Marigia Maggipinto (Italia).

Ha curato per la Città di Biella l’allestimento della mostra permanente “Spazio della Memoria” negli spazi sotterranei di Villa Schneider, dedicato al ricordo dell’occupazione nazifascista della villa, utilizzata come luogo di torture, interrogatori e deportazione.

Ha collaborato con diversi artisti, tra cui l’artista visiva Laura Testa, con la quale dal 2000 esegue installazioni e performance; la coreografa italiana, residente in Olanda, Gabriella Maiorino; l’artista indiano Rabindra Patra. Dal 2014 collabora con continuità con la fotografa polacca Ewa Gleisner. Esegue collaborazioni artistiche con aziende e privati: “profondità di tela”, installazione per campagna pubblicitaria “Filrus” (Italia) 2012; “persone – numeri – banca ”, installazione per la copertina del libro “WelcomeBank”, Napolitano e Visconti, Edizioni Egea (Milano) 2011. Fonda nel 2000 con Stefano Bosco, Laura Testa, Toni Spanedda, Aurelio Gentile e Maria Bruni il gruppo RAIII con cui esegue esperienze performative ad indirizzo di tipo multimediale (utilizzo di Internet, dirette televisive, creazione di format).

Collabora con la Facoltà di Filosofia di Torino su sperimentazioni che riguardano la percezione visiva. Docente di Riprese e Montaggio video presso l’Istituto “Albe Steiner” di Torino, specializzazione Audiovisivi.
E’ presidente del Cine Club di Biella “la Pecora Elettrica”.
Lavora come regista e tecnico video per enti tra cui “Cittadellarte – Fondazione Pistoletto” (Biella), “Museo del Territorio di Biella”, ecc.
Partecipa con diversi video a festival internazionali: con il film “Più vicino” realizzato con Beppe Anderi, con la partecipazione di Michelangelo Pistoletto, venduto e passato da Studio Universal a: “Torino Film Festival” 1999, “Arcipelago” Roma, “Visioni italiane” Bologna, “Bellaria Film Festival”; e con i video “Passaggi a nordovest ’98, ’99, ’00, ’03” realizzati con Alessandro Amaducci, Beppe Anderi e Barbara Rossi.

Esegue documentazioni video con passaggi televisivi su RAI Arte. Nel 2004, partecipa come invitato al “Torino Film Festival” e al “Roma Film Festival” con il documentario “Viaggio nel silenzio del tempo” (intervista ad Alexander Sokurov). Nel 2006, realizza con Fabio Pettirino il documentario “Mondi allo Specchio” prodotto da Love Difference/Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, Regione Piemonte, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella.  Cura con Grazia Paganelli e Giuseppe Gariazzo la rassegna ed il catalogo “Cinemadisvolta” per Cittadellarte – Fondazione Pistoletto dal 2005, cura con gli stessi la prima edizione del “Concorso Internazionale del VideoRacconto” a Cittadellarte nel 2008.
Svolge ruoli di attore in produzioni cinematografiche con i registi: Cristina Andreone “Password” 1997; Beppe Anderi “Viaggio nella città di carta” 2001, “Senza fine di lucro” 2002; Cocito e Pastore “Come fossili cristallzzati nel tempo” 2000; Corso Salani “I casi della vita” 2009; Dario Argento “Dracula 3D” 2012.