BIANCONIDO

Concept and choreography / Daniele Ninarello
Dance / Daniele Ninarello
Music / Jean-Claude Eloy, Lotte Kestner

Coproduction CDC-Les Hivernales (Avignon, F) and Interplay/12 (Turin, I)
With the support of Torinodanza/Fondazione Teatro Stabile di Torino (Turin,I),
Circuito Teatrale del Piemonte,Cango Cantieri Goldonetta (Florence, I)
and Balletto dell’Esperia (Turin, I)

 

date-jj-mois-aaaabianconidi-daniele-ninarello74fchais

Un tempo bianco. Uno spazio bianco.
Un odore ed un suono bianco. Bianco come un’interruzione apparente, una sospensione. L’intenzione che si nasconde nella parete frontale, appena dietro gli occhi chiusi. Spazio/Tempo Bianco di latenza che scorre sotto. Lo spazio nitido si fa Nido in cui il corpo vibra, si dimentica di essere corpo. E’ in questo luogo che si immaginano sostare le sensazioni per meglio preparare la realtà futura immaginata, sognata.
C’è un corpo posato nello spazio. Un corpo che si crea delle memorie. C’è un filtro di trasparenza tra esso e l’oltre…un telo di plastica trasparente farà da membrana fra il danzatore e il pubblico, dando vita ad un box/incubatrice, un ventre. Qui il corpo è una immensa e minuscola mente distesa e contratta, un piano di arti lasciati a sentire che si dilata il tempo del presente, una mente che si fa bianca nel sentire. Un tentativo di rivivere con il corpo una memoria persa, quella di abitare un ventre, di galleggiare, del corpo sognante e desideroso.
Bianconido è quel luogo di latenza tra pensiero e azione, tra intenzione e direzione; è quello spazio in cui la sensazione si fa realtà, l’intangibile diventa palpabile e il corpo tutto si fa “istante presente impregnato di futuro”.
Attraverso il corpo un tentativo di sondare questi tempi di sospensione, per afferrare scie di sensazioni che si susseguono nel costruirsi un nido.
Una riflessione sul corpo come scia di se stesso, un’ eco e un riverbero. Con questa idea vorrei proseguire nel lavoro cercando una danza che viene da altrove, passa attraverso il corpo trasformandolo e va altrove. Lasciarsi inseguire scatenarsi e manifestarsi, e dal riverbero che si lascia di se ricominciare prima che finisca. Proprio come respirare, permettere questo delicato meccanismo sul corpo.
Non si può tornare indietro, e forse nemmeno afferrare l’effetto che si sta per scatenare. Nel bianco si può illuminare.
La realtà è fatta di nient’altro che della concreta sensazione che proviamo in questo istante, e questo istante dura per tutta l’eternità.
Daisaku Ikeda
A white time. A white space.
A white smell and a white noise.White as an interruption, a suspension. The intention that lies just behind closed eyes. Space/Time, latency that runs beneath. Clear space becomes a Nest where the body vibrates, where the body forgets to be a body.
In this place we can imagine the feelings that stop to rest, to better prepare for the future that we dream.There is a body in the space. A body looking for memories. There is a transparent filter between it and everything else. A transparent plastic curtain: a membrane between the dancer and the public, like an incubator. Here the body is a wide and tiny mind, calm and contracted, a plain of limbs perceiving a distended present time. An attempt to live again a lost memory through the body, the memory of being inside a womb, the memory of a floating, dreaming and yearning body.
Bianconido is a place latency between thought and action, between intention and direction; is the space where feeling comes true, the untouchable becomes touchable, and the body becomes present, here and now, full of future.
A corporal attempt to investigate this time of suspension, to grab the paths of sensations that arise in the building of a nest. A reflection on the body in the wake of itself an echo. With this idea i would like to continue the process, working on movement that comes from elsewhere, and then passes trough the body, changing it. Focusing on the body that rises up again from the echo, as if breathing, allowing this delicate organism to work.
We can’t go back and we can’t grab what is to come after. In the White we can shine.
Reality is made of real feeling that we feel in this moment and this moment last for all eternity.
Daisaku Ikeda